I tre capretti - Movimento Domenicano delle Famiglie

Vai ai contenuti

I tre capretti

Sinodo delle famiglie > Domenicuccioli > Favolette per bambini

I TRE CAPRETTI



C'erano una volta tre capretti che dovevano andare al pascolo: essi si chiamavano capretti Furbetti.
Sulla loro strada vi era un ponte che dovevano per forza attraversare, e sotto ci viveva un brutto gigante con occhi grandi come piatti ed un naso lungo, lungo, lungo.
Per primo si presentò il più giovane dei capretti Furbetti e trotterellando attraversò il ponte.
"CHI ATTRAVERSA IL MIO PONTE?" - Ruggì il gigante.
"Oh, sono solo io, il più piccolo dei capretti Furbetti e devo andare al pascolo per diventare grasso" - rispose il caprettino con una vocina sottile, sottile -.
"ORA VENGO SU E TI MANGIO IN UN BOCCONE" - disse il gigante -.
"Ma no, non mangiarmi: sono troppo piccolo!" rispose il capretto.
"Aspetta che passi il secondo dei capretti Furbetti che è molto più grasso di me!".
"Va bene, vattene" - disse il gigante.

Dopo un po' ecco il secondo dei capretti Furbetti che attraversò trotterellando il ponte.


"CHI ATTRAVERSA IL MIO PONTE?" - ruggì il gigante -.
"Oh, sono solo io, il secondo dei capretti Furbetti e devo andare al pascolo per diventare grasso" - rispose il capretto con una vocetta un po' più robusta -.
"ORA VENGO SU E TI MANGIO IN DUE BOCCONI" - disse il gigante -.
"Ma no, non prendere me, aspetta che venga mio fratello maggiore che è molto più grasso di me."
"Benissimo, vattene pure" - replicò il gigante -.
Ma ecco che subito giunse il maggiore dei capretti Furbetti e trotterellando attraversò il ponte.
Era cosi grasso che il ponte ondeggiava e scricchiolava sotto il suo peso.


"CHI ATTRAVERSA IL MIO PONTE?" - ruggì il gigante -.
"Sono io, il più grosso dei capretti Furbetti" - disse il capretto con la sua voce robusta -.
"ORA VENGO E TI MANGIO IN TRE BOCCONI" - ruggì il gigante -.
"Ho sulla fronte due corna forti e ti caverò quegli occhi storti! Vieni mio caro, con i miei zoccoli ti ridurrò tutto bernoccoli!".



Così dicendo il capretto si scagliò sul gigante a testa bassa e lo gettò nel fiume; poi tranquillo e soddisfatto dell'accaduto si diresse al pascolo.
Qui i tre capretti diventarono così grassi che non poterono più attraversare il ponte e tornare a casa e rimasero là.

Torna ai contenuti