La gobba del cammello - Movimento Domenicano delle Famiglie

Vai ai contenuti

La gobba del cammello

Sinodo delle famiglie > Domenicuccioli > Favolette per bambini

LA GOBBA DEL CAMMELLO



Nel principio degli anni, quando il mondo era ancora nuovo, nuovo, e gli animali cominciavano appena a lavorare per l'Uomo, vi era un Cammello, che viveva in mezzo a un gran deserto, perché non voleva lavorare; un Cammello che, straordinariamente pigro, mangiava piuttosto stecchi e spine e tamarischi e bacche ed erbacce; e quando qualcuno gli faceva qualche osservazione, rispondeva "Ob!" con disprezzo, che voleva dire "ohibò!"
Proprio: "Ob!" e niente altro.



Ora il Cavallo andò da lui, un lunedi mattina, con una sella sul dorso e un morso in bocca, e gli disse:
- Cammello, o Cammello, esci e trotta come facciamo noi.
- Ob! - rispose il Cammello. E il Cavallo andò via a raccontarlo all'Uomo.
Andò poi da lui il Cane, con una mazza in bocca, e gli disse:
- Cammello, o Cammello, vieni a cacciare e a portare in bocca come faccio io.
- Ob! - brontolò il Cammello. E il Cane andò via a raccontarlo all'Uomo.
Andò poi da lui il Bue, col giogo sul collo e gli disse:
- Cammello, o Cammello, vieni ad arare come faccio io.
- Ob! - rispose il Cammello. E il Bue andò via a raccontarlo all'Uomo.






Alla fine del giorno, l'Uomo chiamò il Cavallo, e il Cane e il Bue insieme e disse loro:
- Mi dispiace per voi tre (col mondo ancora così nuovo); ma quell'Ob nel deserto non sa lavorare; se no, ora sarebbe qui. Cosi io sto per lasciarlo solo, e voi dovrete lavorare il doppio per far quello che non fa lui.
Allora i tre si adirarono molto (chè il mondo era allora cosi nuovo) e tennero una conferenza sul confine del deserto, alla quale anche il Cammello intervenne, ruminando tamarischi, incredibilmente pigro; e deridendo gli adunati, disse: "Ob!" e scappò.


Ora venne il Genio, l'incaricato di tutti i deserti, rotolando in una nuvola di polvere (i Genii viaggiano sempre a quel modo, per incantesimo) e si fermò a discutere coi tre.
- Genio di tutti i deserti - disse il Cavallo, - ha qualcuno il diritto di essere pigro, col mondo ancora nuovo così?
- Certamente no - rispose il Genio.
- Ebbene - soggiunse il Cavallo, - v'è un tale in mezzo al deserto, col collo lungo e le gambe lunghe, che non ha fatto il benché minimo lavoro da lunedi mattina in poi. Egli non vuole trottare.


- Ah! - esclamò il Genio fischiando. - E che dice?
- Lui dice "Ob" - rispose il Cane - e non vuole né cacciare né portare.
- E non risponde altro?
- No: soltanto "Ob!"; e non vuole arare - disse il Bue.
- Benissimo - concluse il Genio. - Se avete la pazienza di aspettare un minuto, vedrete che cosa gli toccherà. Metterà la gobba!
Il Genio si avvolse nel suo mantello di polvere, e presa la giusta direzione attraverso il deserto, trovò il Cammello incredibilmente pigro, occupato a guardar la sua immagine in una pozza d'acqua.
- O lungo e gorgogliante amico - gli disse il Genio, - perché non vuoi lavorare in un mondo ancora cosi nuovo?
Ob! - rispose il Cammello.
Il Genio sedette in terra, col mento nella mano, e cominciò a pensare a un grande incantesimo, mentre il Cammello continuava a guardare la propria immagine nella pozza d'acqua.
- Tu hai dato ai tre un lavoro maggiore da lunedi mattina in poi, a cagione della tua incredibile pigrizia - disse il Genio; e continuò a pensare all'incantesimo col mento nella mano.
- Ob! - brontolò il Cammello.
- Se fossi in te, non lo direi un'altra volta - disse il Genio. - Caro mio, bisogna che tu lavori. - E il Cammello rispose: - Ob! -
Ma l'aveva detto appena, che la schiena, della quale andava cosi orgoglioso, cominciò a gonfiarsi e a diventare una gobba mostruosa. - Vedi questa? - disse il Genio. - E il tuo stesso "Ob" e te la sei fabbricata con la pigrizia.
Oggi è giovedi, e tu non lavori da lunedi, cioè da quando il lavoro è incominciato. Ora va' a lavorare.
- Come posso andarci - disse il Cammello - con questo "Ob" sulla schiena?


- Anzi, con codesto "Ob" - disse il Genio - tu puoi lavorare ora per tre giorni senza mangiare, perché ti nutri del tuo "Ob"; e non dire che io non abbia fatto nulla per te. Esci dal deserto e va' dai tre, e compòrtati da galantuomo. E di' "Ob" a te stesso. - Il Cammello disse: "Ob" a se stesso, e si mosse per raggiungere i tre. Da quel giorno il Cammello porta sempre l'"Ob" (noi lo chiamiamo gobba); e non s'è rifatto mai dei tre giorni perduti nel principio del mondo; e ancora non ha imparato a comportarsi come si conviene.

di Rudyard Kipling

Torna ai contenuti